Quel che resta di Bora Bora

viaggio di nozze bora bora
Un atollo corallino e un vulcano eroso dal tempo. La camera con la miglior vista mare al mondo. E' successo davvero?

Che tu ci creda o meno, la cosa più difficile di questo post è stata la scelta delle foto. Foto decenti. Il che sembra un paradosso dato che Bora Bora è uno dei luoghi più belli del mondo. Il motivo, almeno in parte, è dovuto al fatto che ci sono stata in viaggio di nozze, dunque nel 90% degli scatti c’è il faccione mio e di mio marito e, lo sai bene, questo non è un blog fatto di selfie: il mio obiettivo è mostrare pezzettini di mondo, non la sottoscritta in vacanza. Tolte queste, le foto rimanenti, a parte un paio, sono piuttosto insignificanti.

Come per le Maldive, è difficile tradurre in uno scatto la bellezza di un luogo la cui principale attrattiva è il mare. Niente casine colorate a picco sulla spiaggia, niente barchette di pescatori, niente faraglioni o rocce di granito, nulla di tutto ciò: acqua e basta.
Le prime immagini che ho trovato sono aeree, con le tinte filtrate da un finestrino non troppo pulito: spiccano il turchese della laguna, il bianco della spuma che si spezza sul reef, lo smeraldo del monte Otemanu, grosso totem che si erge proprio in mezzo all’isola, e, naturalmente, i bungalow, il nostro tra quelli che formano una delle due “Y”.
Bora Bora è tutta qui. Tre colori e una manciata di hotel su una superficie di nemmeno 40km2.

bora bora3

bora bora4
Bora Bora, dal finestrino

Eppure. Eppure è qui che è racchiuso il mito, è qui che si concretizza l’immagine del Paradiso in terra. Racconta la ricca mitologia locale che Bora Bora venne creata con particolare cura: Ta’aroa, lo Zeus polinesiano, ha affidato ai suoi aiutanti compiti ben precisi: Tane, dio della bellezza, ha plasmato l’aspetto dell’isola, Tinorua, dio del mare, insieme a Tohu, dio degli abissi, ha riempito i fondali di coralli, conchiglie e pesci dai colori sgargianti, mentre Roma Tane, guardiano del paradiso, si è occupato dei fiori.
Non c’è che dire: hanno fatto un ottimo lavoro. Oggi, Bora Bora, insieme atollo corallino e vulcano eroso dai secoli, è l’isola simbolo del Pacifico.

viaggio di nozze bora bora
Monte Otemanu, Bora Bora

Una volta al resort, una collana di fiori ci dà il benvenuto. Come da copione, alloggiamo in un overwater, elemento imprescindibile del sogno polinesiano. Bora Bora è anche dormire in una palafitta, con una scaletta che ti dà accesso privato alla laguna. E’ un tavolino trasparente sotto al quale vedi guizzare pesci variopinti, è svegliarsi con la luce non del sole ma dell’azzurro. E’ un’amaca stesa tra due palme, che per raggiungerla devi nuotare un po’. E’ un idromassaggio al tramonto, quando gli ultimi raggi rossi calano dietro l’Otemanu.

Immaginex

viaggio di nozze bora bora
Nel resort, Bora Bora

Bora Bora è una spiaggia tutta per te, è un gruppo di tartarughe marine, un nugolo di pesci dai colori chiassosi, è una, due, dieci razze che ti circondano, è un giro in barca attorno alla laguna su acque turchesi, cristalline, violette. E’ un vocabolario scarso, fatto di 4 parole: kia ora, ciao; iaorana, buongiorno; maururu, grazie; nana, arrivederci.

bora bora

bora bora8

picasso
Una spiaggia privata, una tartaruga marina e un pesce Picasso

E’ un sogno dal quale ti svegli nel momento in cui, sulla barca diretta in aeroporto, senti un ragazzo soffiare in una grossa conchiglia, l’addio polinesiano. Un suono che, peggio di una sveglia, ti riporta bruscamente alla realtà. E’ successo davvero? Cosa resta di Bora Bora una volta tornati a Milano? Un fiore di frangipani fatto seccare tra le pagine di un libro, un pezzettino di corallo rotto trovato sulla spiaggia, granelli di sabbia bianchissima incastrati nei sandali, un pareo candido orlato di azzurro.
E tante foto che, a ben guardare, non sono nulla di speciale. “Tutto lì?“, ricordo mi chiese qualcuno. “Beh, sai, non sono molto brava con la macchina e…”, cerco di giustificarmi, lievemente imbarazzata. Ma so che hanno ragione, dicono poco: com’è che laggiù era tutto così bello e ora…

Ma poi, ne spunta una. Una senza bungalow, senza monti, addirittura senza spiagge. C’è solo uno scorcio di mare turchese, in una cornice di arbusti. Non riesco nemmeno a ricordare dove l’ho scattata. Quando la vedo, però, un sorrisetto mi spunta sul viso, come quando custodisci un bel segreto. Di colpo tutto torna alla mente e non ho più alcun dubbio: sì, era tutto meravigliosamente vero.

1 (561)_edited
Bora Bora, scorcio

Maururu, Bora Bora.

15 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *